Descrizione Progetto

Premio AI - Robotica

2021

Alessandra Sciutti è Ricercatrice presso l’Istituto Italiano di Tecnologia – IIT, dove è responsabile dell’unità CONTACT – Architetture Cognitive per Tecnologie Collaborative, in cui lavora a stretto contatto con l’umanoide iCub. Dopo la Laurea in Bioingegneria all’università di Genova, sua città natale e un Dottorato di ricerca in Tecnologie Umanoidi, Sciutti ha trascorso due periodi all’estero, prima al Robotics Lab del Rehabilitation Institute di Chicago (USA) e poi presso l’Emergent Robotics Laboratory dell’Osaka University (Giappone).
Nel 2018 ha vinto uno Starting grant, i finanziamenti più prestigiosi elargiti dall’European Research Council (ERC) prima organizzazione europea per il finanziamento della ricerca di frontiera di alto livello, per lo sviluppo del progetto di ricerca wHiSPER (https://www.whisperproject.eu/).

Il progetto wHiSPER mira ad approfondire i meccanismi che permettono alle persone di adattare la propria percezione di tempo e spazio a quella di un partner, studiando come questa si modifica durante un’interazione con un altro essere umano o un robot. L’obiettivo è sviluppare nuove tecnologie in grado di adattarsi ai problemi percettivi di ciascun individuo.

Alessandra Sciutti is a Researcher at the Istituto Italiano di Tecnologia – IIT, where she leads the CONTACT unit – Cognitive Architecture for Collaborative Technologies, working in close contact with the humanoid iCub. After receiving a Masterdegree in Bioengineering at the University of Genoa, her hometown, and a PhD in Humanoid Technologies, Sciutti spent two periods abroad, first at the Robotics Lab of the Rehabilitation Institute of Chicago (USA) and then at the Emergent Robotics Laboratory at Osaka University (Japan).

In 2018 she won a Starting grant – a a prestigious grant bestowed by the European Research Council (ERC), Europe’s leading organisation for supporting high-level frontier research – for the development of the wHiSPER research project (https://www.whisperproject.eu/).

The wHiSPER project has the objective of exploring the mechanisms that enable people to adapt their perception of time and space to that of a partner, studying the way in which it changes during interaction with another human being or a robot. The goal is to develop new technology capable of adapting to any individual perceptual problems.